Analisi
Conclusioni

Anatomia di un'accoglienza

HL Reports
Autonarrazioni
Human Factor 2

Alternative perspective

Human Factor

First person narrative

Sensemaker

Scrivi la tua storia

Spotlight
Line by line

Diario

Beyond the line

Approfondimenti

Encounters

Student narratives

Inclusive cities

Progetti di cooperazione

In the media

Parlano di noi

Dizionario
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
ACCEDI
Indirizzo E-Mail
Password

AccediRegistrati
HL22
VISIONI
LO SGUARDO DEGLI ALTRI

LO SGUARDO DEGLI ALTRI

Il clash culturale è un conflitto che si verifica tra culture quando sostengono posizioni opposte su una questione specifica. Per superarlo è necessario accettare e comprendere tutte le visioni e non pensare che la propria sia di per sé quella giusta per tutti.
Nelle relazioni con i migranti i clash culturali sono frequenti, soprattutto quando migranti e popolazione locale entrano in contatto senza mediazione linguistica, culturale e sociale. Tutto può essere causa di clash culturale anche l’alimentazione, l'educazione dei figli, lo stile di vita, le cure mediche.
Alcuni esempi sono significativi: dare per scontato che la famiglia rifugiata capisca subito come comportarsi in un condominio significa non tenere presente che nei campi profughi non esistono condomini. Una rifugiata spiegava: “La sera ci chiamano e ci dicono che i vicini ci vogliono denunciare perché i bambini fanno casino. I bambini sono chiusi a casa, cosa possono fare? Non posso dire che sono soddisfatta per l’aspettativa che avevo… loro [i vicini] chiamano Caritas e Caritas viene a parlare con noi. Mio figlio è piccolo, ogni volta io devo minacciarlo per farlo stare calmo, se cammina non va bene”.
Altrettanto foriera di clash culturali è stata la sfera delle cure mediche. In particolare, è stato complesso dover spiegare il funzionamento del sistema sanitario nazionale italiano a rifugiati che talvolta avevano l’aspettativa di trovare subito cure immediate per ogni malessere.
Anche il cibo ha scatenato scontri culturali. La relazione tra una famiglia tutor e la famiglia di beneficiari, che coabitavano, si è rotta quando la seconda ha manifestato il desiderio di cucinare i propri piatti eritrei. La famiglia italiana ha visto nel gesto una critica all’accoglienza offerta: “Prima preparavo io, facevo le cose buone [...] poi hanno cominciato loro che avevano le loro cose che si erano portati, una cosa l’ho messa in bocca, ma [...] soffocata completamente […] Loro se la sono presa male. Quindi c'è stata una sorta di diffidenza! Me ne sono accorta, prima erano contenti che io cucinavo, che gli facevo la pasta”. L’intervista con i beneficiari ha evidenziato che il clash sul cibo era stato il punto di una frattura culturale più profonda, determinata dalla difficoltà ad adattarsi alla nuova vita: "Noi viviamo con questa signora che è un po’ anziana [...] da quando siamo arrivati noi siamo dipendenti da lei, non abbiamo nessuna libertà di fare, di vivere come vogliamo a casa nostra, con il nostro bambino”.
Infine clash culturali sono emersi anche rispetto alla localizzazione geografica delle accoglienze: in alcuni casi erano state predisposte in piccoli centri abitati, lontani dalle città e con pochi mezzi pubblici.
Alcune di queste piccole comunità accoglienti hanno vissuto con fatica l’insofferenza che vedevano nei beneficiari, ritenendoli incapaci di apprezzare gli sforzi fatti per accoglierli e per garantirgli una rete sociale. Un direttore Caritas ha spiegato la difficoltà di una comunità di 600 abitanti, che aveva accolto due famiglie e che vedeva entrambe lamentarsi perché il paese non aveva molti collegamenti con centri abitati più grandi: “non riescono a vedere tutto quello che li circonda, tutto l'amore che c'è intorno a loro. Hanno avuto questo rifiuto del posto [...] non capiscono la bellezza del fatto che c'è una comunità intera lì per loro, che si spende per loro in primissima persona”.
In alcuni casi questi scontri hanno portato i beneficiari ad abbandonare il progetto subito; in altre realtà sono rimasti ma si è incrinato il rapporto di fiducia con le comunità accoglienti e sono andati via a fine progetto; in altre accoglienze i clash culturali sono stati affrontati positivamente.
Gli elementi che hanno permesso di affrontare e risolvere tali scontri sono legati soprattutto alla mediazione: la presenza stabile di un mediatore, che interviene non solo quando si presentano problemi e che, oltre a tradurre, deve essere in grado di spiegare a tutti il punto di vista dell’altro. A ciò si aggiunge la presenza di figure professionali competenti per problemi specifici, quali avvocati, medici, psicologi.

 


Notice: Undefined variable: iubenda_codice in /var/www/vhosts/humanlines.org/httpdocs/cookies.inc.php on line 93

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più puoi consultare la cookie policy. Qualora non accettassi puoi non procedere con la navigazione, oppure lo puoi fare limitatamente con i soli cookie tecnici o di prestazione, oppure puoi decidere quali cookies accettare. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento.

Privacy policy completa

PERSONALIZZA RIFIUTA ACCETTA TUTTI