Analisi
Conclusioni

ANATOMIA DI UN'ACCOGLIENZA

HL Reports
Autonarrazioni
Human Factor 2

Alternative perspective

Human Factor

First person narrative

Sensemaker

Scrivi la tua storia

Spotlight
Line by line

Diario

Beyond the line

Approfondimenti

Encounters

Student narratives

Inclusive cities

Progetti di cooperazione

In the media

Parlano di noi

Dizionario
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
ACCEDI
Indirizzo E-Mail
Password

AccediRegistrati
HL05
SELEZIONE
LA SCELTA

LA SCELTA

La selezione dei partecipanti al programma dei corridoi umanitari in Etiopia è un compito chiave, svolto nei campi profughi e nei centri urbani da un team di specialisti - tra cui medici, interpreti e operatori umanitari - di diverse organizzazioni locali e internazionali (come UNHCR, Caritas Italiana, Comunità di Sant’Egidio, Gandhi Charity e altre)al fine di selezionare i rifugiati che meglio si adattano agli obiettivi del programma e alle comunità ospitanti. La selezione si basa principalmente sul criterio della vulnerabilità di singolo o di un nucleo familiare in quanto tale.
In base al regolamento europeo sui visti del 2009 e alla definizione data dall’UNHCR di “persona vulnerabile”, i beneficiari devono essere scelti in base a vulnerabilità fisiche, come problemi di salute o disabilità, o in base alla presenza di difficoltà personali o familiari, come nel caso di madri sole con minori o minori non accompagnati, o ancora in base al fatto che il beneficiario è un oppositore politico nel paese di origine.
Per selezionare i beneficiari che corrispondono a tali criteri gli operatori della Caritas e della Comunità di Sant’Egidio collaborano con l’UNHCR e con la Gandhi Charity. Questa ONG, fondata a Milano nel 2003 dalla dottoressa Alganesh Fessaha, è presente in molti campi profughi etiopi, dove porta avanti progetti di assistenza medica a malati e anziani, garantendo in particolare il funzionamento di un mulino per dare cibo a circa 850 bambini orfani nel campo profughi di Mai Aini. Dal 2008 l’associazione lavora anche in Egitto per liberare i migranti eritrei detenuti nelle carceri per immigrazione clandestina, in special modo nel Sinai.
Una rifugiata ha ben descritto questa prima fase di coordinamento con tali attori presenti nei campi:
Ero ad Hitatz [campo profughi]. Ho trovato per caso la possibilità di venire in Italia perchè ero quella che si occupava delle donne con bambini o bambini senza genitori, avevo un po’ questa responsabilità sapeva tutte le problematiche che potevano avere quelle persone lì dentro. Le donne lì vivono di tutto, hanno tantissimi problemi: da quelle che crescono figli senza padri a quelle che vengono violate; io conosco bene tutti questi problemi e inizialmente il mio compito era di aiutare queste persone nel campo così poi loro (Caritas) sono venuti anche a conoscenza della mia storia e ho avuto la possibilità”.

L’UNHCR fornisce una lista di possibili candidati e gli operatori di Caritas e Comunità di Sant’Egidio organizzano almeno 3 interviste con i potenziali beneficiari.
Negli anni la collaborazione con l’UNHCR si è rafforzata al fine di individuare con maggior precisione le vulnerabilità.
La prima intervista, fatta nel campo profughi, serve per conoscere i potenziali beneficiari e comprendere le loro situazioni fisiche, personali e familiari. Con la seconda intervista si procede alla verifica dei documenti personali e i potenziali beneficiari ricevono informazioni sul programma dei corridoi umanitari. Successivamente, gli operatori Caritas e della Comunità di Sant’Egidio svolgono un’ultima intervista pochi giorni prima della partenza con i rifugiati per chiarire le regole del programma e per fornire le principali informazioni riguardo alla vita nelle comunità accoglienti. Gli staff della Caritas e della Comunità di Sant’Egidio forniscono informazioni non solo sui loro diritti e doveri come partecipanti del progetto dei Corridoi ma anche sull’Italia, sulle leggi e sulle regole sociali.
Dopo l’ultima intervista sono state organizzate anche videochiamate tra beneficiari e comunità accoglienti, in cui queste le persone iniziano una conoscenza reciproca.
Infine, l’agenzia etiope per i rifugiati (ARRA) deve approvare la lista finale con i nominativi, che viene inviata alle autorità italiane (il Ministero degli affari esteri e il Ministero degli Interni) per ulteriori controlli di sicurezza. Una volta espletati, l’ambasciata italiana ad Addis Abeba rilascia i visti temporanei che permettono ai rifugiati di viaggiare verso l’Italia. I voli sono operati da Ethiopian Airlines e segnano la fine della procedura di selezione.

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più puoi consultare la cookie policy. Qualora non accettassi puoi non procedere con la navigazione, oppure lo puoi fare limitatamente con i soli cookie tecnici o di prestazione, oppure puoi decidere quali cookies accettare. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento.

Privacy policy completa

PERSONALIZZA RIFIUTA ACCETTA TUTTI