Analisi
Conclusioni

Anatomia di un'accoglienza

HL Reports
Autonarrazioni
Human Factor 2

Alternative perspective

Human Factor

First person narrative

Sensemaker

Scrivi la tua storia

Spotlight
Line by line

Diario

Beyond the line

Approfondimenti

Encounters

Student narratives

Inclusive cities

Progetti di cooperazione

In the media

Parlano di noi

Dizionario
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
ACCEDI
Indirizzo E-Mail
Password

AccediRegistrati
HL19
CLASH CULTURALE
L’AIUTO FERITO

L’AIUTO FERITO

La relazione di accompagnamento vissuta dalla comunità accogliente può incorrere in urti e frustrazioni quando volontari e famiglie tutor si trovano di fronte rifugiati che rifiutano le loro indicazioni, i consigli, i progetti e anche l’aiuto pratico.
Ciò può avvenire in qualsiasi momento del percorso di accompagnamento. Durante il monitoraggio abbiamo visto tali scontri sorgere di fronte a qualsiasi fatto quotidiano: dalla frustrazione perché i rifugiati pulivano la casa o gestivano le relazioni familiari in modalità diverse da quelle italiane, alle incomprensioni sull’utilizzo del pocket money, il cui importo variava in ogni diocesi, o sui tempi burocratici per l’ottenimento dello status di rifugiato.
Da parte delle comunità accoglienti abbiamo sentito descrivere la nascita di questi scontri e di queste frustrazioni nel rapporto con i rifugiati anche in termini generali, senza una causa specifica ma solo per una totale mancanza di fiducia e di riconoscenza: “non riescono a vedere tutto quello che li circonda, tutto l'amore che c'è intorno a loro. Hanno avuto questo rifiuto del posto, non so, […] non capiscono la bellezza del fatto che c'è una comunità intera lì per loro, che si spende per loro in primissima persona. Quindi questo lavoro che noi facciamo, questo amore che ci mettiamo, questa cura che ci mettiamo va in fumo perché loro non collaborano più di tanto, questo è il timore maggiore” Al di là delle cause scatenanti, il fondamento di tali scontri è stata sempre la non comprensione del punto di vista dell’altro: talvolta, l’altro non ha mai espresso il proprio punto di vista, parlando attraverso comportamenti che non sono stati correttamente interpretati da chi gli stava di fronte, altre volte l’altro ha parlato ma non è stato ascoltato.

 


Notice: Undefined variable: iubenda_codice in /var/www/vhosts/humanlines.org/httpdocs/cookies.inc.php on line 93

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più puoi consultare la cookie policy. Qualora non accettassi puoi non procedere con la navigazione, oppure lo puoi fare limitatamente con i soli cookie tecnici o di prestazione, oppure puoi decidere quali cookies accettare. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento.

Privacy policy completa

PERSONALIZZA RIFIUTA ACCETTA TUTTI