Analisi
Conclusioni

ANATOMIA DI UN'ACCOGLIENZA

HL Reports
Autonarrazioni
Human Factor 2

Alternative perspective

Human Factor

First person narrative

Sensemaker

Scrivi la tua storia

Spotlight
Line by line

Diario

Beyond the line

Approfondimenti

Encounters

Student narratives

Inclusive cities

Progetti di cooperazione

In the media

Parlano di noi

Dizionario
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
ACCEDI
Indirizzo E-Mail
Password

AccediRegistrati
HL20
LESSICO
INTE(G)RAZIONE

INTE(G)RAZIONE

In sociologia l'integrazione sociale definisce uno stato di sostanziale e consensuale coinvolgimento
di tutti i gruppi e soggetti collettivi nel più generale sistema delle istituzioni, delle norme e dei valori.
Gli studi più recenti definiscono l’integrazione come il complesso percorso di adattamento alla nuova situazione
di vita da parte di rifugiati e comunità accoglienti, che si sviluppa in un periodo non breve
ed è fortemente condizionato dal contesto in cui viene svolto (Phillimore 2020).
Inoltre, l’integrazione è stata definita come rapporto multidimensionale e multidirezionale
(Ager and Strang 2008, Ndofor-Tha et al. 2019), che implica l’esperienza di un accompagnamento reciproco
fra rifugiati e comunità accoglienti e tra gruppi che gestiscono i progetti di accoglienza,
cioè operatori e comunità locali.
L’integrazione è al centro del pontificato di Papa Francesco, che nel 2018 l’ha declinata
in una dimensione cristiana in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato con queste parole:
“I nostri sforzi nei confronti delle persone migranti si possono riassumere in quattro verbi: accogliere,
proteggere, promuovere e integrare”. Questa affermazione è stata fatta propria da molti volontari
e famiglie tutor, come una di loro ci ha detto: “i corridoi umanitari danno un modello diverso
dove non ci si limita ad accogliere, ma si cerca di proteggere, di promuovere e integrare,
- i verbi [utilizzati] dal Papa ”.
Nel programma dei corridoi umanitari l’integrazione è il fine ultimo del programma stesso:
"favorire l’integrazione dei beneficiari nel territorio e nella comunità attraverso l’orientamento
e l’accompagnamento all’inserimento sociale, abitativo e lavorativo.” (Caritas italiana, 2017).
Per questo è stata una delle domande cruciali per beneficiari, operatori, famiglie tutor e volontari,
direttori delle Caritas diocesane e Vescovi. Questi l’hanno descritta come un percorso, un rapporto personale
e reciproco tra gli immigrati, che devono entrare nella nuova società, e la comunità che accoglie,
che deve aprirsi alla conoscenza di persone diverse per lingua, cultura e talvolta religione.
Nelle parole di alcuni operatori in particolare:
“Cosa intendo con integrazione? La possibilità di mantenere la propria cultura, ma soprattutto di condividerla.
Quindi non perdere le proprie radici, perché renderebbe difficilissima l'esistenza stessa di queste persone,
perché non possono rinnegare 20, 30 anni di vita e ricominciare da zero. Però, una volta posti
in un nuovo contesto, devono avere la possibilità di condividere e ricevere quanto più buono
ci sia della comunità di arrivo. Quindi la vedo come quello che in inglese si chiama melting-pot,
uno scambio reciproco, al termine del quale entrambi ricevono qualcosa in più”.

“Che cos’e’ l’integrazione? Far sentire persone di culture diverse a casa propria,
però conservando la propria cultura. Quindi, riuscendo a far incontrare le culture diverse, senza che
nessuno leda l’altro, scoprendo la bellezza di metterle insieme.
Non deve essere una forzatura metterle insieme, l’importante è che ognuno rispetti la cultura dell’altro,
e soprattutto non bisogna mai pensare che la mia cultura e’ più evoluta della tua”.

In alcune realtà l’integrazione dei beneficiari si è inserita in un percorso già avviato con altri progetti,
come raccontato da un operatore Caritas:
“Abbiamo un servizio, che chiamiamo “intercultura”, oramai sono tantissimi anni, dove noi andiamo
nelle scuole di R. [città]. Ci sono tantissimi ragazzi figli di stranieri.
L’intercultura [è] la cultura che ci può essere di aiuto gli uni gli altri […]
lo sforzo nostro dovrebbe essere non solo di dare da mangiare e da dormire, il lavoro,
ma far sentire loro partecipi della nostra storia, delle nostre strutture”.

Per questo motivo una parte di operatori, volontari e famiglie tutor ha in realtà preferito parlare di “interazione”
o “inclusione”, sottolineando in tal modo la necessità per tutte e due le parti (comunità accogliente e rifugiati)
di conoscere e comprendere l’altro, così che alla fine ognuno diventi parte della vita dell’altro:
“Vanno aiutati a comprendere ed ad accettare le nostre regole, però non dire “o così oppure no”,
perché questo non vuol dire aiutare le persone, sono sempre esseri umani.
Rispettare le loro regole, le loro cose e anche la loro religione
[…]Quindi io li devo rispettare, non è che siccome io ho la possibilità e ti aiuto allora tu devi
per forza fare questo ed essere sottoposto a me.”

“Quello che credo che sia più difficile è l’interazione con la persona […]
Perché interagire ti arricchisce [...] è l’essere umano in sé come persona che mi può arricchire in sé,
nella sua diversità. Ma tu pensa a come davvero con gioia io mi metto in ascolto dei loro racconti
delle loro tradizioni e come fanno le cose e quando gliele vedo rifare qui nel limite del possibile
[...] una su tutte: il caffè".

 

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più puoi consultare la cookie policy. Qualora non accettassi puoi non procedere con la navigazione, oppure lo puoi fare limitatamente con i soli cookie tecnici o di prestazione, oppure puoi decidere quali cookies accettare. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento.

Privacy policy completa

PERSONALIZZA RIFIUTA ACCETTA TUTTI