Analisi
Conclusioni

ANATOMIA DI UN'ACCOGLIENZA

HL Reports
Autonarrazioni
Human Factor 2

Alternative perspective

Human Factor

First person narrative

Sensemaker

Scrivi la tua storia

Spotlight
Line by line

Diario

Beyond the line

Approfondimenti

Encounters

Student narratives

Inclusive cities

Progetti di cooperazione

In the media

Parlano di noi

Dizionario
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
ACCEDI
Indirizzo E-Mail
Password

AccediRegistrati
HL34
ABBANDONO
IL RICHIAMO DELL’ALTROVE

IL RICHIAMO DELL’ALTROVE

La maggior parte dei rifugiati accolti da novembre 2017 alla prima metà del 2019 ha lasciato l’Italia, in gran parte a conclusione dell’anno previsto o pochi mesi dopo, alcuni anche prima. A gennaio 2022, delle 318 persone arrivate grazie ai Corridoi della Caritas Italiana tra il 2018-19, 165 risultavano all’estero; 86 persone, invece, erano uscite dalle accoglienze rimanendo però in Italia: le notizie sulle destinazioni finali sono state raccolte o per comunicazione diretta delle persone con noi o per contatti indiretti avuti con altri beneficiari o per comunicazione dei rifugiati con le famiglie tutor e i volontari.
Quasi tutti sono andati via senza condividere la decisione con la comunità accogliente: alcuni avevano espresso il desiderio di raggiungere parenti o amici all’estero, altri avevano manifestato palesi crisi nel rapporto di fiducia con le persone che le avevano accolte; tuttavia sono stati rari i casi in cui i beneficiari hanno condiviso il progetto di lasciare l’accoglienza della Caritas.
Le motivazioni sono diverse: delusione rispetto alle aspettative, rottura del rapporto di fiducia con gli operatori e/o il resto della comunità accogliente, carenza di lavoro, bisogno di riunirsi alla comunità di riferimento, spesso illusione di trovare maggior sostegno economico altrove - anche alimentata da chi guadagna a spostare persone.
Nelle scelte dei beneficiari hanno svolto spesso un ruolo decisivo le famiglie estese, sia rimaste nei paesi di origine, sia emigrate in paesi diversi dall’Italia.
Nel primo caso la pressione esercitata sui rifugiati è stata finalizzata a spingerli a trovare il più velocemente possibile un lavoro per inviare soldi a casa, cosa che ha spesso spinto i rifugiati a lasciare le accoglienze per mancanza di immediate prospettive di lavoro. Nel secondo caso, invece, i parenti all’estero hanno spinto i rifugiati a lasciare le comunità accoglienti e l’Italia anche in presenza di contratti di lavoro al fine di riunire la famiglia.
Questa pressione è stata particolarmente forte sui nuclei familiari monoparentali, in cui quasi sempre era presente solo la madre, e nei casi di rifugiati single.
Dopo tanta fatica, queste partenze possono essere vissute da volontari e talvolta da operatori con frustrazione o delusione, come un fallimento del progetto.
Suggeriamo però di vederla al contrario, ossia aver messo in condizione delle persone di compiere delle libere scelte: questa prospettiva è stata realizzata da alcune Caritas che hanno preparato le comunità accoglienti prima dell’arrivo dei beneficiari alla prospettiva che questi ultimi potessero partire, abbandonando il progetto anche senza comunicare niente ai volontari.
La differenza che un tale approccio produce nelle vite di chi ha accolto e ha visto i beneficiari andare via è stata fondamentale: chi non ha fatto tale lavoro e non ha accolto questa prospettiva, quando ha visto finire le accoglienze, ha più spesso lasciato prevalere il senso di abbandono e di tradimento della fiducia, scegliendo anche in un numero minoritario di casi di non rinnovare la disponibilità ad accogliere beneficiari dei Corridoi Umanitari.

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più puoi consultare la cookie policy. Qualora non accettassi puoi non procedere con la navigazione, oppure lo puoi fare limitatamente con i soli cookie tecnici o di prestazione, oppure puoi decidere quali cookies accettare. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento.

Privacy policy completa

PERSONALIZZA RIFIUTA ACCETTA TUTTI