Autonarrazioni
Human Factor

First person narrative

Sensemaker

Scrivi la tua storia

Spotlight
Line by line

Diario

Beyond the line

Approfondimenti

Encounters

Student narratives

Inclusive cities

Progetti di cooperazione

In the media

Parlano di noi

Pubblicazioni
Dizionario
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
ACCEDI
Indirizzo E-Mail
Password

AccediRegistrati
Spotlight | Encounters
11 dicembre 2021

ENCOUNTERS SECOND ISSUE

Rifugiato giunto dalla Birmania nel 1988, Cho Too ha prestato il suo servizio per assistere altre persone costrette a lasciare le loro case e a viaggiare verso gli Stati Uniti.
Nel via vai di beneficiari, colleghi e ospiti vari, il suo impegno al servizio della popolazione più vulnerabile è rimasto inalterato. Anche durante le difficoltà, quando il lavoro di integrazione fa cedere i più indefessi operatori della Catholic Charities, Cho non si perde d'animo.
Uomo energico, affronta gli innumerevoli processi tipici delle fasi di integrazione di una persona o di una famiglia, in un modo che fa sembrare il tutto meno scoraggiante di quanto appaia sulla carta.
La Catholic Charities dell'Indiana settentrionale ha un programma, di cui Cho fa parte, che facilita l'integrazione dei rifugiati nella comunità locale. L'indirizzo proviene dalla Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti, sotto forma di assegnazione dei casi (USCCB è una delle 9 entità che collabora con il governo federale per agevolare la sponsorizzazione dei rifugiati, quindi trasferisce gli effettivi compiti di integrazione ai partner locali).
Il programma, che dura 3 mesi, inizia con l'accoglienza dei rifugiati all'aeroporto locale e termina formalmente con una dismissione finale (sebbene informalmente possa continuare per anni poiché, al sorgere di problemi, le relazioni personali permangono). Tale programma Include tutto, dall'iscrizione dei bambini a scuola all'ottenimento di assistenza sanitaria/assicurazione, fino all'assegnazione di numeri di previdenza sociale e alla ricerca di un impiego adeguato.
Cho ha un ruolo in ogni fase del processo, dimostrando uno straordinario mix di abilità nel gestire il suo carico di lavoro, anche se ci dice che 90 giorni non sono sufficienti per consentire ai rifugiati di inserirsi veramente nelle loro nuove vite. Altri paesi, come quelli della Scandinavia europea, adottano programmi che durano fino a un anno consentendo un'integrazione più profonda e successi a lungo termine.

 

Tema
News correlate

17 novembre 2021

ENCOUNTERS FIRST ISSUE

Conosciamo la storia di Muguleta Haybano , le sfide che ha dovuto affrontare per integrarsi nella Società Americana e quale sia il suo desiderio, una volta conseguita la laurea magistrale . Testo e Intervista realizzate dalle studentesse Abigail Helme e Theresa Salazar del corso Refugee Policy lab, tenuto dalla Professoressa Ilaria Schnyder presso l'Università di Notre Dame.

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più puoi consultare la cookie policy. Qualora non accettassi puoi non procedere con la navigazione, oppure lo puoi fare limitatamente con i soli cookie tecnici o di prestazione, oppure puoi decidere quali cookies accettare. Puoi liberamente prestare, rifiutare o revocare il tuo consenso, in qualsiasi momento.

Privacy policy completa

PERSONALIZZA RIFIUTA ACCETTA TUTTI