Pubblicazioni
Spotlight
Line by line

Aggiornamenti & storie brevi

Beyond the line

Analisi & approfondimenti

In the media

la voce della stampa internazionale

Dizionario
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
ACCEDI
Indirizzo E-Mail
Password

AccediRegistrati
18 novembre 2020

36 ore

11h30 am, Nonantola.

La macchina di Paolo Prandini – operatore Caritas nelle vesti di autista-reporter per l'occasione – si avvicina alla casa di Welde.

Da quando è arrivato in Italia, un anno, 9 mesi e 11 giorni prima, Welde aspetta di riabbracciare sua moglie, rimasta in Etiopia. Il momento è giunto, quello che segue è un breve video racconto delle 30 ore che lo porteranno dalla sua Helen..

 

 

Il rapporto tra Paolo e Welde si percepisce bene dai prossimi video. Paolo non è l'operatore che porta il “beneficiario” a Roma perché è suo compito farlo, ma l'amico che accompagna l'amico in uno dei viaggi più importanti della sua vita, per cui capisce perfettamente perché Welde, mentre precorrono l'autostrada, gli chiede questo favore...

 

08h30 pm, porto di Fiumicino

L'arrivo di Helen è previsto all'alba del giorno dopo, ma ci vorranno ore prima dell'uscita, per le pratiche doganali e le procedure anti-Covid. Si tratta ora di far passare le ore con una lauta cena e una notte da leoni.

 

11 Novembre,

10h45 am, spiaggia di Fiumicino

Per ingannare l'attesa e stemperare l'ansia cosa c'è di meglio di un tuffo in mare...a novembre? Ma quando per te è la prima volta nella vita, allora vale tutto, in qualsiasi stagione.

PS. però ci chiediamo se anche Paolo l'ha fatto, purtroppo non ci sono video che lo testimoniano.

Proprio in quel momento, arriva la videochiamata HL: Max roso dall'invidia, perché se non vivesse in zona rossa sarebbe dovuto essere lì in costume da bagno, decide di chiamarli per tastare personalmente il grado di emozione.

 

02h45 pm, fuori dall'aeroporto di Fiumicino, dentro la macchina di Paolo

No comment.

 

 

04h35 pm, area arrivi dell'aeroporto di Fiumicino

No comment

 

Però vogliamo dire ancora una cosa: ammiriamo Welde e Paolo, perché in un momento così carico di tante incontenibili e indescrivibili emozioni, sono riusciti a trovare anche la voglia di “sdrammatizzare” e di “giocare” al punto di fare uno scherzo ad Helen e farle credere che Welde non fosse lì con Paolo ma in attesa a casa (solo che per poco lei sviene).

Noi abbracciamo tantissimo Helen e Welde, che speriamo di incontrare di persona il prima possibile e ringraziamo Paolo che ci ha abilmente permesso di vivere con loro questa emozione.

10h39 pm, messaggio di Paolo

“Siamo arrivati alle 21.15, ma non ho filmato l'arrivo a Nonantola perchè ero cotto.. il resto lo documenterete voi al prossimo giro qui, a presto!”

 

 

Tema
Città
News correlate

25 marzo 2020

LA MATITA DI TEKLE

Impariamo a conoscere Tekle e la sua matita mai banale... capace di narrare tanto le situazioni personali, quanto il quadro sociale in cui si è trovato a vivere.